Contenuto principale

tibet 4025999 640La repressione religiosa non è mai stata una novità in Cina, il dato allarmante è che la condizione delle minoranze religiose cinesi sta costantemente peggiorando. Milioni di tibetani subiscono da decenni il controllo statale sull'esercizio della loro religione, ma lo stesso vale anche per i Cristiani e per i seguaci del movimento Falun Gong. Attualmente chi maggiormente subisce il controllo di Pechino sono i credenti musulmani nella regione dello Xinjiang ai quali è stato vietato la celebrazione del Ramadan, di insegnare la loro lingua nelle scuole e dal 2016 sono costretti a fornire il Dna per ottenere il passaporto.

Come se non bastasse almeno 1,5 milioni di musulmani dello Xinjiang sono internati in campi di lavoro forzato e l'intera regione viene monitorata tramite un controllo digitale senza precedenti. Il Governo di Xi Jinping non ha mai riconosciuto l’esistenza di “campi di rieducazione” e ha sempre preferito parlare di “campi di studio” e “centri di formazione professionale” utili a contenere alcune “vocazioni religiose politicamente scorrette” in nome della “stabilità nazionale”.

Unimondo - "Non può essere"