Contenuto principale

pakistan 90583 640Nove anni fa, il 19 giugno 2009, la pachistana Asia Bibi, cattolica e di poverissima condizione sociale, veniva arrestata con l’accusa pesantissima di blasfemia.

Oggi, a 3.288 giorni dietro le sbarre, su di lei pesa non soltanto una detenzione resa ancora più dura dalla distanza dal marito e dai figli costretti nella clandestinità per evitare di essere oggetto di ritorsione da parte degli estremisti musulmani, ma anche perché sulla sua testa è sospesa una condanna a morte decisa in ultima istanza il 16 ottobre 2014 ma bloccata nell’esecuzione dalla Corte Suprema il 22 luglio dell’anno successivo.

Avvenire - Pakistan. A nove anni dall'arresto, Asia Bibi in silenzio chiede ancora giustizia