Contenuto principale

flag 993627 640Dal novembre scorso, dunque ormai da tre mesi, la Francia è turbata ogni settimana dalle manifestazioni dei cosiddetti gilets gialli. Tale movimento è nato come protesta fiscale contro l’aumento delle tasse. Però dall’inizio, il movimento ha subito infiltrazioni da militanti estremisti, di sinistra e soprattutto di destra. Con improbabili alleanze rosso-bruno, come all’inizio del nazismo.

Mentre i gilets gialli perdono d’influenza (ormai i manifestanti sono ridotti a 40/50.000 persone per tutta la Francia), gli estremisti rimangono presenti e attivi: contro la Repubblica, contro le istituzioni democratiche, ma anche contro gli immigrati, contro le “élite”, contro gli intellettuali, contro gli omosessuali, contro le donne, contro l’Europa.

SIR Servizio Informazione Religiosa - Antisemitismo: virus francese o crisi europea? Tornano i fantasmi del passato