Contenuto principale

church 2264661 640Contro la Costituzione, un’ingerenza indebita da parte dello Stato negli affari interni delle confessioni religiose. È la valutazione unanime da parte di tutte le confessioni presenti in Bulgaria contro le modifiche della legge sui culti già approvate dal parlamento in prima votazione l’11 ottobre.

Nonostante il parere negativo della Chiesa ortodossa bulgara (alla quale appartiene la maggioranza dei bulgari), degli islamici che rappresentano il 10%, della Chiesa cattolica e delle comunità protestanti. “Abbiamo sollevato le nostre perplessità ancora a maggio, subito dopo la presentazione della legge”, spiega al Sir don Petko Valov, rappresentante della Chiesa cattolica presso il gruppo consultorio per le modifiche della legge sui culti, “ma i deputati hanno deciso di proseguire comunque”.

SIR Servizio Informazione Religiosa - Bulgaria: una legge contro la libertà religiosa. Cattolici, ortodossi e musulmani fanno sentire la loro voce