Contenuto principale

pyramids 2371501 640Prima i terroristi hanno piazzato alcuni ordigni artigianali intorno alla moschea, facendoli esplodere all’uscita dei fedeli dopo la preghiera del venerdì, giorno sacro per i musulmani. Poi hanno “aspettato i fedeli davanti alla porta” per colpire quelli in fuga. E dopo avere sparato contro di loro bruciando alcune auto fuori dal luogo di culto, sono fuggiti a bordo di quattro veicoli, dei fuoristrada 4×4, coi quali avevano circondato l’edificio. Sono 235 le vittime e almeno 109 i feriti dell’attentato avvenuto in una moschea a nord del Sinai, a circa 40 chilometri da al-Arish, capoluogo del governatorato. È l’attacco terroristico che ha causato più vittime nella storia del Paese. Nel Sinai settentrionale, ma soprattutto più a est, è attivo un gruppo jihadista alleato dell’Isis.

Il presidente egiziano, Abdel Fattah al-Sisi, ha convocato una riunione di emergenza con i responsabili della sicurezza e annunciato tre giorni di lutto nazionale. “Condanniamo questo barbaro atto terroristico contro civili innocenti. L’Unione Europea è al fianco dell’Egitto nella lotta contro il terrorismo”, ha twittato l’ambasciatore Ue in Egitto Ivan Surkos. A condannare l’attacco anche Ahmed el-Tayyeb, grande Imam di Al-Azhar, il più influente centro teologico dell’islam sunnita del Paese: “È importante respingere i terroristi con tutta la forza possibile”. Le condoglianze alle vittime sono arrivate anche dal segretario generale della Lega Araba, Ahmed Aboul-Gheit, e dal Ministro degli esteri Angelino Alfano: “Solidarietà e vicinanza dell’Italia al popolo dell’Egitto per il vile attacco terroristico. La paura non prevarrà”.

 

Il Fatto Quotidiano - Egitto, attentato in una moschea nel Sinai durante la preghiera del venerdì: “235 morti e 109 feriti”