Contenuto principale

22032017 IMG 9722Partiamo dal convegno che si è tenuto il 22 marzo scorso, Libertà di religione e credo. Diritti umani, dialogo e inclusione sociale, organizzato dal CESNUR alla Camera dei deputati grazie all'interessamento dell'on. Luigi Lacquaniti. Puoi spiegarci com'è nato questo momento d'incontro e il perché dell'urgenza di una legge sulla libertà religiosa in Italia?

Il convegno nasce da una esigenza ormai molto antica, nel senso che in Italia abbiamo ancora una legge che risale al periodo fascista, per quanto riguarda la situazione delle religioni minoritarie, che non si è riusciti in alcun modo a modificare né a rifare dalle fondamenta. È quello che bisognerebbe fare, annullare il regime fascista e approvare una legge che risponda veramente alle esigenze della diffusione del pluralismo religioso oggi in Italia. Questa è l'esigenza di cui si sente la necessità ormai da decenni.

Agenzia Radicale - Libertà di religione e credo: intervista a Raffaella Di Marzio